IL CORPO CHE PARLA

Psicosomatica

Quando la vita quotidiana e le varie problematiche ad essa connesse creano stress al nostro organismo, si attiva una risposta che coinvolge il nostro PNEI (sistemapsiconeuroendocrinommunitario) e che causa svariati disequilibri. La psicosomatica, vede l’essere umano nella sua interezza, considerando la stretta relazione che c’è tra corpo e mente. In questa visione olistica di tale disciplina, la Naturopatia gioca un ruolo importante, poiché, cardine di questa scienza è la considerazione dell’uomo come essere autarchico ed in grado di autoregolarsi.

Naturopatia

È un termine coniato a fine ‘800 da un medico statunitense, il dottor Scheel ed indica, appunto, una disciplina che abbraccia diversi tipi di terapie, ovviamente tutte naturali, per il ripristino dello stato di salute dell’individuo, visto nella sua interezza. La naturopatia ha come scopo sia la prevenzione dei disequilibri che l’educazione alla salute. I disturbi psicosomatici maggiormente diffusi sono: intestino irritabile, problemi respiratori, problemi all’epidermide, mal di testa. Per ognuno di questi disequilibri, non è purtroppo sufficiente sostenere che la causa sia imputabile allo stile di vita o all’alimentazione. È riprovato che, sovente, il meccanismo stressogeno legato al sistema PNEI, influisca su questi disequilibri, andandoli a rendere cronici, se la causa non viene esattamente individuata e rielaborata. La presa di consapevolezza da parte dell’individuo, è il primo passo per la risoluzione ed il riequilibrio dei disturbi psicosomatici e può trovare valido ed efficace aiuto nei rimedi naturopatici che trovano nell’uso delle piante, ove possibile, una valida alternativa all’assunzione di medicinali di sintesi, poiché anch’essi hanno dei principi attivi scientificamente dimostrati.

Ecco venir a sostegno delle problematiche legate all’intestino irritabile, piante come lagramigna, l’escolzia o l’incenso. L’iperico, il tea tree e l’ippocastano per i problemi alla pelle. La pulmonaria, la tussilaggine ed il ribes nero per i disequilibri respiratori e, per il mal ditesta, ad oggi la problematica che fa assumere più medicinali di tutte le altre sopracitate piante come il partenio, il salice e la passiflora.

BE YOU

Serena Blandino

NOZIONI DI …

IPERICO

L’IPERICO è una pianta usata da tempi remoti. È conosciuta come erba scacciadiavoli per via del fatto che abbia molteplici proprietà curative. Se ne usa l’oleolito, per risolvere svariati problemi alla pelle: eczemi, dermatiti, irritazioni varie, ustioni da calore o da sole. Diluito in un olio o una crema per il corpo, è un ottimo emolliente. Per uso interno, invece, è conosciuto per le sue spiccate proprietà antidepressive. Viene chiamato anche Erba di San Giovanni perché la sua fioritura è intorno al solstizio d’estate e la leggenda vuole che, un mazzetto di iperico messo sotto il cuscino la notte del 24 giugno, allontani la morte per un anno. Nel centro Italia, in questo giorno, i bimbi venivano lavati in acqua di fiori, ove l’iperico era un fiore onnipresente.

RIBES NERO

Conosciuta fin dall’antichità come pianta che “scaccia gli umori neri” per via delle sue bacche scure ma molto dolci, trova impiego nella tradizione per curare febbri, pestilenze e malinconia.
Col progredire dei secoli e della scienza, si è scoperto che è una pianta della quale se ne usano varie parti e con finalità diverse:
Le sue gemme, sono un cortisone naturale, hanno proprietà antinfiammatorie ed antistaminiche sia a livello cutaneo che respiratorio (riniti croniche e allergiche, dermatiti, bronchiti, laringiti, faringiti, congiuntiviti).
Sono un immunostimolante e combattono la stanchezza.
Le sue foglie trovano impiego come diuretiche e depurative, mentre i frutti sono a stringenti e vasoprotettori.

TARASSACO

Conosciuto dai tempi antichi anche con il nome dente di leone, è un ottimo depurativo per il fegato. Ha un effetto detossinante nei cambi di stagione, aiuta i reni a lavorare ed è utile anche per abbassare il livello di colesterolo nel sangue. Previene i calcoli biliari ed è un blando lassativo. È ricco di vitamine, sali minerali ed antiossidanti. Inoltre è un valido aiuto per chi ha problemi di anemia, poiché è ricco in ferro. Nell’antica Grecia, si pensava che fosse nato dalla polvere lasciata dal carro di Elio, infatti, ricorda la forma del sole. Veniva usato per predizioni amorose e, se strofinato sul corpo, per attrarre la fortuna. Il termine ‘tarasso’, significa ‘guarisco’, proprio perché al sole veniva, giustamente, attribuita una grande capacità di guarigione.

FIORDALISO

Il fiordaliso è una pianta molto diffusa nel nostro continente ed utilizzata, anch’essa da tempi remoti. La leggenda vuole, che il centauro Chirone, ferito da Achille, si disinfettò proprio con questo fiore, e da qui nacque il suo nome generico a livello scientifico. È un ottimo alleato, di facile preparazione, nella cura di congiuntiviti, orzaioli e arrossamenti degli occhi. Ha un potere sfiammante anche per uso interno ed aiuta la diuresi. I monaci buddhisti lo impiegano nella preparazione di tisane proprio per aiutare digestione, depurazione e perché ha questo effetto diuretico. Viene impiegato in cosmesi per pelli acneiche o arrossate da eventi atmosferici, mentre per i capelli è un ottimo antiforfora. Nella tradizione popolare veniva utilizzato per filtri d’amore ed in Provenza nacque proprio una pratica magica rossa, definita ‘cianomanzia’.

MENTA PIPERITA

È il genere di menta più ricca di olii essenziali. Facilmente reperibile, è anch’essa conosciuta da tempi remoti ed impiegata in vari settori. È un ottimo alleato contro l’alitosi. Ha proprietà antisettiche, antiparassitiche ed antibatteriche, vista l’alta concentrazione di polifenoli, ed è un anestetico locale sulle mucose. È ottima se usata per i mal di testa di tipo tensivo con dimostrato calo del dolore. Molto usata per il suo effetto balsamico e decongestionante durante i raffreddori. Ha azione carminativa (ovvero aiuta nell’espulsione di gas intestinali) ed è un blando repellente per gli insetti. Viene utilizzata come tonico astringente nelle pelli grasse o miste. Essendo una pianta che cresce in tutto il mondo, le proprietà magiche attribuite alla pianta sono molteplici: scaccia i serpenti, allontana le gravidanze indesiderate, aiuta gli amanti nella loro energia sessuale. Purifica i morti, aiuta la mente e tantissime altre credenze. I romani la intrecciavano come rito propiziatorio sulle teste degli sposi durante le nozze.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...